Se sei capitato su questo articolo sono sicura che tu stia cercando un metodo semplice e veloce per moltiplicare il tuo pothos. Bene, nel video qui sotto te lo mostro passo passo.

Video sulla moltiplicazione del pothos

Scegli il rametto giusto di pothos

Una cosa fondamentale perchè il tuo esperimento funzioni è tagliare un pezzettino del ramo che abbia le caratteristiche giuste, ovvero almeno un nodo e una foglia. Il nodo è un punto o una piccola sporgenza che diventerà la prima radice dopo qualche giorno che starà a contatto con l’acqua, mentre la foglia è molto utile da avere per velocizzare il processo di crescita.

Se non c’è la foglia nel rametto che hai scelto non è un problema, probabilmente la pianta crescerà più lentamente, mentre se non è presente neanche un nodo sarà impossibile ottenere radici e di conseguenza moltiplicare la nuova piantina.

Sigilla il taglio della talea

Un rimedio casalingo utile per far cicatrizzare il taglio che fai del rametto ed evitare una ferita aperta che rischia di prendere infezioni è cospargere la parte appena recisa con la polvere di cannella. Ti aiuterà anche a non aver problemi di marciume sul fusto.

Cambia l’acqua del pothos

E’ importante cambiare l’acqua almeno ogni 1-2 settimane per evitare marciumi alle radici o al rametto. Un altro consiglio che mi sento di darti è quello di posizionare la tua piantina dentro un barattolo trasparente, così potrai vedere i progressi delle radici giorno dopo giorno e accorgenti di eventuali problemi il prima possibile avendo tutto sotto controllo.

Moltiplicare per talea: non solo pothos

Oltre alla moltiplicazione del pothos con questo metodo è possibile duplicare tutte le piante per le quali è possibile creare talee, come ad esempio la monstera deliciosa, moltissimi tipi di philodendron e di marantacee.

E tu? Hai mai moltiplicato per talea? Hai avuto problemi nel farlo o è andato tutto a gonfie vele?